GiornaliRassegna stampa

Campus Web – Tutti i segreti di Gianni mnemonic

Tutti i segreti di Gianni mnemonic

Esiste un metodo per ricordare tutto? Si, è il Metodo Golfera e l’ha inventato un ragazzo italiano, che ora spiega come sfruttarlo per spiazzare i professori durante gli esami.

                                                                                                    Da Campus Web, giugno 2002       Di Roberto Copello

 

Cicerone, per memorizzare le sue celebri orazioni, associava ogni concetto a un’immagine vista mentre si recava da casa sua in Senato. Plinio il Vecchio conosceva i nomi di tutti i cittadini di Roma. Giordano Bruno sapeva la Bibbia a memoria, anche al contrario. Pico della Mirandola, ricordava alla perfezione ogni momento della sua vita. Robert Oppenheimer, il padre della bomba atomica, sapeva leggere una pagina e ripeterla al contrario, dalla fine.

Fenomeni del passato, lontano e recente? Non solo.

C’è un ragazzo italiano che forse sa fare anche di meglio. Si chiama Gianni Golfera (www.metodogolfera.com), ha 24 anni, è romagnolo, ed è un fenomeno vivente, che ha suscitato l’interesse della scienza ufficiale, al punto che Antonino Malgaroli, titolare della cattedra di Fisiologia dell’Università Vita-Salute dell’Ospedale San Raffaele di Milano, ha deciso di studiare il suo prodigioso cervello.

Nella speranza di svelare i misteriosi meccanismi che permettono all’uomo di ricordare (o di dimenticare) Golfera conosce a memoria 261 trattati di filosofia, nonché il vocabolario di tre lingue straniere: inglese, francese, spagnolo.

Quando andava a scuola non studiava mai: gli bastava quanto aveva ascoltato durante le lezioni. Finito il liceo scientifico, non ha neppure pensato di iscriversi all’università: aveva già deciso di dedicarsi a tempo pieno a potenziare le doti di cui si era accorto da tempo, quanto meno da quando aveva stupito i genitori raccontando loro nei dettagli il suo primo volo in aereo, avvenuto alla tenera età di otto mesi.

E poi c’era anche un altro fatto.

La filosofia che gli interessava non era quella insegnata negli atenei, ma solo quella che riguarda “l’Arte della Memoria”.

Dunque, da Platone a Giordano Bruno, autore di quel Trattato De umbris idearum che costituisce il libro cult di Golfera. In quelle pagine il ragazzo romagnolo ha trovato i segreti che cercava. Perché, dice Golfera a Campus Web, «Il Dna conta almeno per il 50 per cento, ma il resto dipende dall’esercizio».

Così, attingendo a Bruno, il giovane mnemonista ha sviluppato un suo metodo, il Metodo Golfera (www.metodogolfera.com) per memorizzare ogni informazione in breve tempo, decuplicando la propria capacità di ricordo.

Golfera da qualche anno lo porta in giro per l’Europa, organizzando corsi di potenziamento della memoria (un weekend con 2 lezioni no stop di 10 ore l’una costa circa 1.000 euro), aperti a chiunque.

Golfera è così diventato anche un giovanissimo imprenditore di se stesso. Ma la sua ambizione non è arricchirsi: «Adesso punto a sviluppare la mia intelligenza matematica per poter migliorare il calcolo mentale, riuscendo a fare operazioni complesse in tempi sempre più rapidi», confessa.

“Dieci regole da ricordare, per non dimenticare. Nulla”

  1.  PENSA SEMPRE PER IMMAGINI. Secondo Gianni Golfera, un’immagine, per quanto complessa e colorata, è sempre più facile da ricordare rispetto a una parola scritta, un concetto astratto, un nome mai sentito, una cifra o una data.
  2. ASSEGNA AI NUMERI E ALLE LETTERE UN IMMAGINE. Golfera fa così: 1 è una candela, il 2 un cigno, il 3 un gabbiano, il 4 una sedia, il 5 un guanto, il 6 una ciliegia, il 7 una falce, l’8 un pupazzo di neve, il 9 un palloncino e lo zero un salvagente. Poi assegna immagini anche alle lettere: per esempio la B può essere una donna incinta…
  3. COSTRUISCI IMMAGINI EMAI (Esagerate, in Movimento, con Associazioni Inusuali e Coinvolgimento Emotivo). Per memorizzare devi inventare scenette surreali. Esempio: L’89, anno della Rivoluzione francese, è un pupazzo di neve (cioè il numero 8) ghigliottinato e la cui testa si leva in volo come un palloncino (cioè il numero 9).
  4. IMMAGINA TUTTO QUELLO CHE LEGGI. Stai studiando la vita di Napoleone? L’Imperatore ti deve apparire davanti in carne e ossa, come fosse reale.
  5. FATTORE TEMPO. Studia al massimo per 40 minuti di fila, poi fai una pausa di 10 minuti.
  6. NO ALLA MONOTONIA. Cambia frequentemente la materia di studio, per ravvivare l’interessa.
  7. OCCHIO AI VIZI. Non bere mai alcool. Non fumare, neppure hashish e marijuana. Concediti al massimo qualche caffè.
  8. IL SONNO. Dormi le ore giuste, cioè quelle che ti servono veramente.
  9. IL CIBO. Fai sempre pasti leggeri. E non metterti a studiare subito subito dopo mangiato.
  10. CONVINTO DELLA META. Sii motivato a ricordare, non pensare mai che non ce la puoi fare.

Per imparare il Metodo Golfera inizia leggendo il manuale “Più Memoria.

Puoi riceverlo in dono visitando il sito www.metodogolfera.com/manuale

Se ti fa piacere lasciami un commento qui sotto, li leggo personalmente e rispondo personalmente.

 

Lascia un commento