Perdita di memoria

Causa della perdita di memoria e rimedi sicuri

La perdita di memoria è uno dei problemi più diffusi della nostra epoca. Sempre più spesso le persone dicono: “non ho più la memoria di una volta” eppure lo dicono in un età tra i 40 e i 60 anni, età troppo giovane per determinare una perdita di memoria. In questo articolo desidero fare luce sulle possibili cause determinanti la perdita di memoria proponendo rimedi utili e di immediata applicazione.

Sono Gianni Golfera, autore del best seller internazionale “More Memory” e ricercatore in fisiologia del cervello e della memoria. Da oltre vent’anni studio la memoria umana e le problematiche correlate, sempre più spesso sento professionisti in carriera lamentare un calo della memoria senza nessuna causa apparente. Prima di cercare cause di natura fisiologica è necessario indagare quelle di natura psicologica, ad esempio lo stress e la noia portano certamente a un minore grado di interesse durante la fase di acquisizione dei ricordi, questo comporta una naturale perdita di memoria. Lo stress in particolare, gioca un ruolo molto dannoso nell’acquisizione di ricordi, infatti il corpo tenta di difendersi producendo cortisolo e questa sostanza inibisce i processi neurofisiologici alla base dei meccanismi di acquisizione dei ricordi.

La perdita di memoria colpisce il cinquanta per cento della popolazione sopra gli ottant’anni. Al di sotto di questa età il calo è riconducibile a cause specifiche e non all’invecchiamento. Per le donne spesso si tratta di una carenza vitaminica da parto, questo aspetto unito alle poche ore di sonno per la gestione del neonato portano nei mesi successivi un calo di memoria, naturalmente questo problema è risolvibile attraverso un alimentazione sana e ricchissima di frutta e verdura fresche. Nell’uomo invece la perdita di memoria è più frequentemente riconducibile allo stress unito alla stanchezza e alla mancanza di attenzione che ne conseguono. Recenti studi confermano che la scarsa qualità del sonno porta una perdita di memoria per varie ragioni che in questa sede sarebbe troppo lungo spiegare.

Sarebbe fin troppo semplice giunti a questo punto, la compensazione della perdita di memoria con un farmaco, la mia idea è invece quella di educare la memoria e tenerla allenata con attività mentalmente stimolanti e come andare a teatro, leggere un libro, imparare una nuova lingua oppure migliorare e allenare la propria capacità di apprendimento contrastando in tal modo la perdita di memoria. Tra le varie tecniche per esercitare la propria capacità di apprendere ne descrivo una che può essere utilizzata come esercizio da fare qualche minuto al giorno. Si chiama concatenazione e consiste nel ricordare liste, più o meno lunghe, attraverso una serie di immagini correlate tra loro.

Questo esercizio porterà come risultato una maggiore plasticità neuronale e il conseguente superamento della perdita di memoria.

Se per esempio volessimo ricordare una lista di cose da fare come prenotare un aereo, andare in banca, ritirare il passaporto, comprare il costume da bagno, chiamare chiara e prenotare l’hotel possiamo costruire una sorta di film mentale per associare tra loro queste immagini nella nostra testa. In questo caso immagino un aereo che atterra in una banca da cui esce un immenso passaporto in costume da bagno che va a mangiare una chiara d’uovo in un lussuoso hotel.

Tutto questo è divertente facile efficace e ci permette davvero di mantenere il cervello giovane. Naturalmente queste tecniche possono essere estese ad ogni altro tipo di applicazione, come memorizzare testi, apprendere velocemente nuove lingue straniere, padroneggiare un determinato argomento, con l’obiettivo di realizzare i propri obiettivi e contrastare la perdita di memoria attraverso l’acquisizione di tutte le strategie che consentono di attivare una più vasta area cerebrale durante il processo di memorizzazione

Per migliorare la tua memoria ottenendo vantaggi concreti nello studio nel lavoro e nella vita iscriviti alla newsletter e riceverai straordinarie risorse totalmente gratuite. Inoltre mi farebbe molto piacere vedere i tuoi commenti all’articolo qui sotto e il tuo like sulla mia pagina facebook

Comments are closed.