Studia e mangia bene. Grazie a Gianni Golfera ora lo so.

memoria e Gianni Golfera

memoria e Gianni Golfera

Ho frequentato le elementari, le medie e le superiori. Sono arrivata all’università e ancora mai nessuno mi aveva detto quel che ho scoperto frequentando il corso di Gianni Golfera.

Imparare a mangiare per imparare a studiare. Sembra scontato ma non lo è perché mai nessuno me lo aveva detto. L’ho scoperto quando ho frequentato il corso di Gianni Golfera per avere un aiuto per affrontare per gli esami del liceo.

Pensavo che avrei imparato come memorizzare in fretta tutte quelle cose che mi servivano per l’orale, tutte quelle materie. Ero spaventata soprattutto per il presidente della commissione, che era un esterno, mentre gli altri prof già li conoscevo perché erano i miei e quindi questo mi tranquillizzava. Al corso di Gianni Golfera ho imparato a credere in me, a non avere paura di fronte ad una sfilza di prof seduti tutti in fila per me, per ascoltarmi. Avevo il terrore di sbagliare qualcosa invece è stato bello perché mi sono alzata da quella sedia soddisfatta di me stessa.

Gianni Golfera me lo aveva detto e cosi è andata.

Tra le cose importantissime che mi ha insegnato c’è come mangiare. Per il funzionamento ottimale del cervello, dice Gianni Golfera, è indispensabile un’alimentazione corretta. Si ma corretta per me ha sempre significato noiosa e soprattutto significava rinunciare a tutte quelle cose che mi piacciono di più. Invece non è cosi. Gianni Golfera mi ha insegnato che il cervello ha bisogno di un giusto apporto di zuccheri. Ma in che modo posso farli entrare nel mio corpo? Mia madre ha provato a portarmi da un dietologo ma io proprio non ne volevo sapere. Gianni Golfera mi ha spiegato che bastava ridurre i “carboidrati sfavorevoli” cioè le patate, il riso, il pane, la pasta e i dolci perché alzano eccessivamente la presenza di zuccheri nel sangue, creando squilibri ormonali, sonnolenza e calo di rendimento. E infatti era quello che vivevo io ogni giorno. Ora lo so che se voglio sentirmi in forma devo non esagerare con questi alimenti ed integrarli con la verdura, la frutta, le carni bianche, il pesce azzurro, i formaggi e l’olio di oliva. Subito dopo il corso di Gianni Golfera ho provato per qualche giorno a seguire i suoi consigli e subito mi sono sentita meglio. La colazione, per esempio. Non sapevo mai cosa mangiare e a volte la saltavo nella speranza di dimagrire di qualche chilo. Non è cosi.

Gianni Golfera mi ha fatto capire che la colazione è certamente il più importante pasto della giornata. Senza la colazione la mia attività cerebrale diminuisce. E infatti quando mangiavo poco o niente già a metà mattina mi sentivo stanca, era come se non riuscissi a svegliarmi mai. Ora seguendo i consigli di Gianni sto facendo colazioni leggere, sto mangiando poco e spesso e cosi studio molto meglio. Inoltre, da quando lui mi ha fatto scoprire queste cose, ho capito cosa voglio fare da grande: la nutrizionista. Prima del corso di Gianni Golfera non sapevo cosa fare da grande. Ora si. Grazie Gianni.

Non solo ho superato l’esame di maturità alla grande ma ora mi sto preparando per i test all’università e sono sicura che riuscirò a fare ciò che grazie a te ho capito che mi piace fare. Davvero, le coincidenze non esistono.

Comments are closed.