blog

Come trasformare i vuoti di memoria in una opportunità

per apprendere un nuovo metodo di studio

Capisco che non è facile per molti vedere una opportunità nei propri vuoti di memoria e questo perchè non abbiamo l’atteggiamento metale necessario per vedere anche nelle situazione di crisi la luce.
Avere vuoti di memoria improvvisi ci fa preoccupare, aumenta la nostra ansia ed il nostro stress.

Questo succede semplicemente perchè fin da bambini non ci è stato insegnato un metodo di studio efficiente che aiuti a migliorare la prestazione mentale, ma solo metodi di facile applicazione che non richiedevano grosso impegno.

Sappiamo bene che il cervello se non lo utilizzi per sviluppare le sue capacità, è abilissimo nel trovare scorciatoie e scuse per evitare il lavoro ed uscire da quella che gli scienziati moderni chiamano zona di confort.

Quindi la soluzione migliore che troviamo quando ci colgono questi vuoti di memoria è di cercare di correre ai ripari utilizzando farmaci o integratori per la memoria che a volte ci danneggiano.

Integratori per lo studio di origine naturale, funzionano, ma solo se aiutati anche da un lavoro esterno come quella di apprendere un nuovo metodo di studio.

Su internet vi sono tantissime ricerche su metodo di studio per i vari livelli scolastici, quando in realtà imparando delle semplici tecniche memoniche da giovani non avremmo mai difficoltà ad apprendere cose nuove, anche quando gli altri ci dicono che non siamo portati per lo studio, è bravo ma non si impegna.

Insegnare un nuovo metodo di studio

Prima di tutto è bene che sappiate che imparare un nuovo metodo di studio richiede una minima dose di impegno da parte vostra e questo perchè ovviamente il nostro cervello deve abituarsi a ragionare in modo del tutto diverso a quello a cui siamo abituati.

Quindi prima di partire dotatevi dei seguenti sturmenti:

  • Pazienza
  • Costanza
  • Impegno

 “Quanto impiega il nostro cervello per fare diventare un nuovo comportamento mentale una abitudine?”

Per chi soffre spesso di vuoti di memoria o stress un ottima cura potrebbe essere dedicarsi alla meditazione i tempi per valutarne gli effetti sono i seguenti:

  • 40 giorni per cambiare un’abitudine
  • 90 giorni per confermare l’abitudine
  • 120 giorni la nuova abitudine rappresenta chi siete
  • 1000 giorni avrete il controllo della nuova abitudine

La durata di 40 giorni fa in modo che la meditazione spinga il subconscio alla liberazione di tutti i pensieri e gli schemi emotivi che vi ostacolano.

Una buona meditazione spezzerà i vostri vecchi schemi, e pianterà un seme di uno schema nuovo che libererà il subconscio.

Cercate di meditare ogni giorno alla stessa ora, quello che io consiglio perchè ho provato personalmente è di farlo prima di mettersi a studiare o superare un esame.

Ecco avete trovato il primo vantaggio per chi soffre di vuoti di memoria, la meditazione ha il potere di fermare la mente ed anche se siete sciettici vi consiglio di provare stare fermi e concentrati anche solo per 3 minuti può rivelarsi una impresa per chi non vi è abituato.

Bene ora la vostra mente è pronta per apprende un nuovo metodo di studio.

Metodo Golfera

Eccoci finalmente al cuore del nostro articolo per parlarvi di questo nuovo metodo che si differenzia da tante tecniche memoniche in quanto le associazioni sono del tutto personali e si basano sulle emozioni invece di usare la comune tecnica di associazione.

Nessun altro può creare le immagini mentali per voi, potrei farvi degli esempi che però non calzerebbero alla perfezione con il vostro modo di essere.

L’inventore di questo Metodo Golfera è appunto l’imprenditore ed autore di libri sulla memoria Gianni Golfera.

Quando avrai appreso e fatto totalmente tuo il Metodo Golfera sarai in grado di:

  • Velocizzare i tuoi ritmi di apprendimento;
  • Memorizzare senza sforzo date, nomi, luoghi, numeri, informazioni;
  • Organizzare le idee in modo più funzionale;
  • Migliorare le tue prestazioni in campo scolastico e universitario e, più in generale, nella sfera dell’apprendimento;
  • Passare agilmente da un argomento all’altro durante una presentazione in pubblico;
  • Ritrovare con tranquillità ed eleganza il filo del discorso, anche dopo una lunga digressione;
  • Aumentare, di conseguenza, la sicurezza in te stesso in situazioni in cui una buona memoria rappresenti una qualità fondamentale per garantire performance efficaci;
  • Essere in grado di prendere decisioni immediate;
  • Scoprire e apprezzare potenzialità della tua mente che non credevi di possedere

I Principi del Metodo Golfera

Perché il Metodo Golfera è così efficace?

Come mai ne traggono grande beneficio studenti, professionisti, casalinghe, cioè persone con formazione e interessi diversi?

Sintetizzo a seguito i Principi del metodo:

  • L’uso delle immagini mentali
  • L’ordine dei luoghi
  • Il coinvolgimento emotivo
  • La facilità e la rapidità dell’apprendimento
  • La personalizzazione del ricordo

L’uso delle immagini mentali

ricordiamo più facilmente nomi, numeri e parole se creiamo una rappresentazione visiva dei dati acquisiti.

Oltre ad afferrare il concetto da memorizzare, è necessario “vederlo” o, nel caso in cui si debba ricordare qualcosa di astratto, creare un’immagine che sia in grado di richiamare alla nostra mente il concetto stesso.

La nostra memoria naturale ricorda meglio per immagini. Il Metodo Golfera sviluppa pertanto una tendenza già insita nel nostro cervello.

L’ordine dei luoghi

come vedremo nel capitolo sulla teoria dei luoghi, per ricordare è necessario adottare un metodo che consenta il recupero ordinato e non casuale delle immagini che abbiamo associato al ricordo. Servirà dunque un “posto”, da noi perfettamente conosciuto, dove andremo a collocare le immagini evocative.

Il coinvolgimento emotivo

le immagini rappresentate dovranno essere esagerate, stimolanti, attraenti, stupefacenti; per dirla con un’unica espressione, “degne di nota”. Il cervello ricorda infatti meglio ciò che lo coinvolge emotivamente, sia nel bene sia nel male.

La facilità e rapidità nell’apprendimento

due giorni intensivi di corso sono sufficienti per apprendere i principi fondamentali del Metodo Golfera. Ciò che farà la differenza, in seguito, sarà l’applicazione quotidiana di tali principi alle necessità dello studio, del lavoro e della vita quotidiana: attraverso un esercizio costante chiunque potrà acquisire padronanza del metodo e verificarne empiricamente l’efficacia.

La personalizzazione del ricordo

con il Metodo Golfera la memorizzazione diventa un atto personale, unico, irripetibile e, per questo, inconfondibile.

Siamo noi a creare le immagini; noi ad associarle tra loro; noi a modificarle, esagerarle, colorarle; noi ad attribuire loro una valenza emotiva.

L’esperienza diretta della costruzione delle immagini mentali e la sollecitazione delle emozioni ad esse collegate rende il processo profondamente “nostro”.

Vuoi conoscere un nuovo metodo di studio basato sulle Strategie di Memoria che hai letto in questo articolo? Lascia la tua mail nel box accanto e come regalo di benvenuto ti invio una copia del mio ebook “Più Memoria”.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo usando i pulsanti qui sotto!
Vuoi comunicarci la tua impressione od il tuo giudizio? Lasciami un commento.

Lascia un commento